UniCal, incampus e offcampus – Università della Calabria

WORKSHOP

Venerdì 3 Luglio – ore 15.00

ACCEDI AL WORKSHOP!


                            

Il seminario si occupa di presentare centri e servizi del Campus di Arcacavata (in Campus) e alcuni dei più importanti luoghi che si trovano nelle vicinanze (off Campus).

L’Università della Calabria è il Campus più grande e attrezzato d’Italia con oltre 200 ettari di verde tra le colline della valle del Crati, nell’area urbana di Cosenza e Rende, la moderna costruzione architettonica è stata modellata sulla morfologia sinuosa del territorio presente.

Al centro del Campus si trova il progetto del Ponte di Vittorio Gregotti, che costituisce l’asse a cui si agganciano i cubi dei Dipartimenti con le aule e i laboratori e ai quali cui sono connesse tutte le altre strutture del campus.

È il Campus dell’accoglienza, con il Centro Residenziale che garantisce diritto allo studio e tutti i servizi di supporto agli studenti > oltre 2.500 posti letto in 5 Quartieri > 5 mense > 6.000 borse di studio per il 100% degli aventi diritto Il Campus dell’Università della Calabria, è una vera città immersa nel verde, in cui gli studenti possono usufruire di quanto necessario per vivere in maniera funzionale e semplice la propria esperienza formativa.

È il Campus della cultura e della socialità, animato tutto l’anno da spettacoli teatrali, rassegne, eventi culturali, concerti con 2 teatri, il TAU e il Piccolo Teatro, 2 sale cinematografiche e 2 anfiteatri, gestiti dal Cams che, in collaborazione con i corsi di studio dell’UniCal, organizza e promuove spettacoli, concerti, mostre, rassegne teatrali e cinematografiche.

È il Campus dello sport, con un attrezzato e vivace Centro Universitario Sportivo dove praticare sport a livello agonistico o amatoriale.

Il Cus – Centro universitario sportivo d’ateneo – è una vera cittadella dello sport e del tempo libero. Impianti e attrezzature per tutti gli sport con 40 corsi attivati. Campi da tennis, di calcio a 5 in erba sintetica, di calcio a 11, adatto anche per il rugby, 5 palestre, sale di ritrovo dove è possibile giocare a scacchi, bridge e dama, una serie di spazi attrezzati all’interno dei quartieri residenziali, una équìpe di istruttori altamente qualificati.

Nei dintorni dell’Università si trova il capoluogo di provincia, Cosenza, e Rende, nel cui comune è ubicata l’università insieme a una rete di altri centri, che costituiscono una delle zone più moderne e vivaci del Sud Italia.

A Rende e Cosenza – le due principali città dell’area – è possibile contare su una moderna rete di servizi e un‘ampia offerta di esercizi commerciali diffusi sul territorio o anche concentrati in modernissimi centri commerciali. Di sera l’area urbana si anima di vita sociale e attività ricreative (musica, spettacoli).

RELATORE:

Prof.ssa Patrizia Piro,

Professore Ordinario SSD ICAR02 “Costruzioni Idrauliche, Marittime e Idrologia” dal 2009, titolare degli insegnamenti di Costruzioni Idrauliche e Impianti Speciali Idraulici del Corso di Laurea in Ingegneria Civile e Corso di Laurea magistrale in Ingegneria Civile, conduce ricerche nei campi delle misure idrauliche, dei modelli fisici, del monitoraggio e previsione degli eventi estremi, dell’Idrologia Urbana, nei quali affronta aspetti teorici e sperimentali, dedicando ampio spazio all’esame critico e alla messa a punto della modellistica per la simulazione dei fenomeni di piena nei bacini urbani; si è occupata, inoltre, della determinazione sperimentale e teorica della componente statisticamente più inquinata dei deflussi meteorici (acque meteoriche di dilavamento e acque di prima pioggia), con particolare riferimento ai sistemi di drenaggio urbano e al loro impatto ambientale. Parte dell’attività di ricerca è stata dedicata all’utilizzo di Sistemi Informativi Geografici (GIS) per l’analisi del territorio in ambiente urbano e relative applicazioni ai modelli di piena.



                                    
                    

Attualmente coordina il gruppo di ricerca di Idrologia e Idraulica urbana, con installazioni sperimentali
su colonna di sedimentazione, unità di filtrazioni, pavimentazioni permeabili e “tetti a verde”, con
campi prove sperimentali nel campo delle tecniche a basso impatto ambientale (BMPs, LID, SUDS) al
fine di mitigare l’impatto quali quantitativo delle acque meteoriche in un quadro di sostenibilità
territoriale. Negli ultimi anni, infatti, ha prioritariamente rivolto l’attività di ricerca agli ambiti dei servizi
di gestione integrata e sostenibile del ciclo acqua – energia in ambiente urbano, con attenzione
particolare al controllo degli afflussi alla rete di drenaggio, al controllo dei carichi inquinanti generati,
ai benefici termo-energetici (controllo del microclima urbano e riduzione del consumo energetico negli
edifici) e alla potenzialità di riuso delle acque meteoriche. La sostenibilità ambientale, l’ottimizzazione
di reti idriche e lo sviluppo di tecniche innovative nel settore dell’idraulica urbana sono tematiche
ampiamente indagate anche nell’ambito di progetti nazionali e comunitari.
È autrice o coautrice di circa 160 lavori scientifici nel campo delle risorse idriche e dell’ingegneria
ambientale (che comprendono contributi su riviste internazionali e nazionali, articoli a convegni
scientifici internazionali e nazionali e rapporti di ricerca), molte delle quali presentate personalmente
in convegni internazionali e nazionali.

Roberto De Gaetano, ordinario di Filmologia presso l’Università della Calabria, delegato del Rettore allo Spettacolo. Autore di molteplici saggi sulla teoria del cinema e sul cinema italiano, dirige le riviste “Fata Morgana” e “Fata Morgana Web”.

Giuseppe Guido, delegato del Rettore per lo Sport, è professore associato di Ingegneria dei Trasporti presso il Dipartimento di Ingegneria Civile dell’Università della Calabria ed è titolare degli insegnamenti di Fondamenti di Trasporti e Progettazione di Sistemi e Infrastrutture di Trasporto. È referente dell’Università della Calabria sul tema della “Mobilità” nell’ambito della Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile (RUS). È co-fondatore e membro del Gruppo di Lavoro su Systems Engineering for Infrastructure and Building Systems (Associazione Italiana di Systems Engineering – INCOSE Chapter Italia) È co-fondatore dello spin-off accademico Smart-Oriented Mobility Solutions srl (SOMOS). È membro dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Cosenza, della Società Italiana Docenti di Trasporti (SIDT) e dell’Associazione Italiana per l’Ingegneria del Traffico e dei Trasporti (AIIT).

Giuseppe Pellegrino,  delegato del Rettore allo sport, è professore associato di Botanica presso il Dipartimento di Biologia, Ecologia e Scienze della Terra (DiBEST) dell’Università della Calabria ed è titolare degli insegnamenti di Botanica e Biologia Forense. È Presidente del Comitato per lo Sport dell’Università della Calabria e componente del Consiglio Direttivo del CUS Cosenza. È componente del Consiglio Scientifico del Museo di Storia Naturale e Orto Botanico (MuSNOB) dell’Università della Calabria. È editore di numerose riviste scientifiche internazionali quali PlosONE, Plant Systematics and Evolution, Journal of Plant Research. È membro della Società Botanica Italiana e della Società Giapponese di Botanica (The Botanical Society of Japan).

 

Università della Calabria

Date

03 Lug 2020