Ghiaccio bollente: i cambiamenti climatici visti dai luoghi più freddi del nostro pianeta – Università degli Studi Roma Tre

ISTRUZIONI PER ACCEDERE Al WEBINAR

1) Inserisci il tuo nome e cognome
2) Inserisci l’indirizzo mail con cui ti sei iscritto alla piattaforma Campus Orienta Digital

Attenzione! Per ricevere l’attestato PCTO è necessario inserire correttamente i dati richiesti.

Se non riesci ad accedere CLICCA QUI!

Workshop

Martedì 10 novembre 2020 – ore 10:20

Presentazione dei corsi scientifici.

La drastica riduzione dei ghiacci a scala globale rappresenta l’icona emblematica del cambiamento climatico dovuto alle attività antropiche dall’inizio dell’epoca industriale. Il 30% del nostro pianeta è coperto stagionalmente da ghiacci e manti nevosi, un sistema di raffreddamento che si sta riducendo drasticamente a causa del cambiamento climatico. I ghiacci sono inoltre una cornucopia d’informazioni del clima del passato e permettono di ricostruire il clima del passato negli ultimi 800 mila anni permettendo di rilevare come l’uomo abbia cambiato la composizione chimica dell’atmosfera rispetto alla variabilità naturale. Facciamo il punto sulla situazione e sullo stato di salute del nostro pianeta.

RELATORE

Prof. Massimo Frezzotti

Professore Ordinario di Geografia Fisica e Geomorfologia presso il Dipartimento di Scienze, Università degli Studi Roma Tre.
Dal 1985 svolge ricerche di glaciologia e telerilevamento in Antartide per lo studio dell’influenza della calotta di ghiaccio sulle variazioni del livello del mare e studi paleoclimatici. Ha partecipato a 15 spedizioni in Antartide e come Responsabile di Progetti internazionali nelle ultime 10 spedizioni. Presidente del Comitato Glaciologico Italiano, fa parte di numerosi di Steering Committee di Progetti internazionali e di Commissioni Scientifiche nazionali ed internazionali per la valutazione di Progetti o Enti di ricerca. Autore di più di 100 articoli su riviste peer-review. Svolge attività come revisore delle principali riviste internazionali, report di organismi Internazionali e per le proposte di Progetti di ricerca nel settore delle Scienze della Criosfera e del paleoclima.