Le problematiche dei giovani alla costruzione di un CV efficace e le tattiche vincenti per i docenti per aiutarli a superarle

La costruzione di un CV efficace e attraente agli occhi dei selezionatori è oggi fondamentale: viviamo, infatti, in un’epoca in cui il mercato del lavoro è sempre più competitivo, dinamico ed innovativo.
 Proprio per questo motivo, la prima modalità con cui potersi distinguere dagli altri e mostrare la propria unicità è possedere un curriculum vitae valido e curato.
 E’ ormai noto infatti che il curriculum vitae è, in qualunque fase della carriera, un biglietto da visita, poiché rappresenta quel documento che contiene tutte le informazioni fondamentali su chi sei, sulla tua formazione e sulle tue esperienze professionali.
 Proprio in virtù dell’importanza di questo strumento, approfondiamo di seguito le principali problematiche che incontrano i giovani nella costruzione di un CV efficace e come i docenti possono aiutarli a superarle. Per fornire un quadro completo e dettagliato, abbiamo affidato la stesura di questo articolo agli esperti di Jobiri, il primo consulente di carriera digitale intelligente che mette a disposizione dei candidati tutti gli strumenti necessari per un facile e veloce inserimento nel mercato del lavoro.

Le principali problematiche dei giovani alla costruzione di un CV efficace 

Se il CV contiene principalmente le esperienze professionali accumulate nel corso degli anni, come possono i giovani con poca o nulla esperienza poterne creare uno valido agli occhi dei recruiters?
E’ evidente che gli studenti e, in generale, i giovani che si stanno affacciando al mondo del lavoro devono, purtroppo, fronteggiare maggiori difficoltà nella stesura di questo documento.
Le principali problematiche che gli studenti si trovano ad affrontare nella stesura di un CV efficace sono:
  • Il CV non viene letto approfonditamente
 Solitamente il CV viene giudicato in meno di 45 secondi sulla base del layout e della facilità con cui si riescono a comprendere gli elementi rilevanti. Ciò vuol dire che anche un curriculum ben fatto ma mancante di questi elementi può essere facilmente scartato.
  • Quasi sempre i curricula vengono letti dapprima da un software ATS
 Molto spesso una prima selezione e scrematura dei CV non viene fatta dai selezionatori ma dai software ATS, ossia software che eseguono la scansione automatizzata dei database di curricula basandosi sulle parole chiave inserite nel CV. In virtù di ciò, un curriculum che non contiene le “keywords” giuste, ossia quelle presenti solitamente nella job description, ha alte probabilità di non essere selezionato al primo colpo.
  • Candidati e aziende considerano diversamente le finalità di un CV
 Le aziende ricevono ogni giorno una grande mole di CV. Il loro intento è essenzialmente trovare un motivo per scartarne quanti più possibile per ridurre quelli da analizzare e portare avanti nel processo di selezione. Pertanto, solo quelli davvero efficaci hanno possibilità di avere successo.

Le tattiche vincenti dei docenti per aiutare i giovani a superare le difficoltà

 Le difficoltà elencate sopra, a cui se ne aggiungono sicuramente altre dipendenti dalle circostanze particolari di ogni studente, possono essere, però, sicuramente superate.
 Sono tantissimi, infatti, i giovani senza esperienza che, con tanto impegno e determinazione, riescono a superare brillantemente le selezioni partendo da un CV valido.
 Il primo supporto che i ragazzi in una fase delicata come questa possono ricevere è quello dei docenti che, in qualità di educatori, possono senz’altro mettere in pratica una serie di azioni volte a far decollare la carriera dei ragazzi partendo dalla stesura di un buon curriculum vitae.
 Quali sono, dunque, le tattiche vincenti che i docenti possono mettere in atto? Ne abbiamo individuate 3:
  • Stimolare la partecipazione a progetti, webinar, iniziative interessanti, etc
 La prima mossa vincente che i docenti possono mettere in atto è sicuramente quella di proporre agli studenti la partecipazione a webinar, seminari, iniziative interessanti legate a tematiche del mondo del lavoro e non solo. Ciò favorisce l’aggiornamento continuo dei ragazzi e permette loro di inserire questi aspetti nel CV. Infatti, nel curriculum di un giovane senza esperienza risultano molto importanti sia le soft skills, sia gli interessi coltivati. Tra questi, l’inserimento di queste iniziative è sicuramente un valore aggiunto.
  • Stimolare il pensiero critico e la creatività
Stimolare il pensiero critico e la creatività è sicuramente un’attività che i docenti non devono trascurare per i propri studenti. Acquisire una capacità critica significa, infatti, anche imparare ad autovalutarsi riflettendo su se stessi. I docenti, attraverso attività di brainstorming, lavori di gruppo e molto altro possono incoraggiare  gli studenti ad acquisire queste skills. La creatività è un altro strumento prezioso da coltivare e potenziare costantemente: un CV creativo e personalizzato è sicuramente un ottimo punto di partenza che farà differenziare gli studenti agli occhi dei selezionatori.
  • Organizzare corsi ad hoc
 I docenti, poi, dovrebbero anche tener presente di quanto le competenze digitali siano fondamentali nell’attuale mercato del lavoro. Pertanto, stimolare gli studenti all’acquisizione di questa tipologia di competenze attraverso, per esempio, corsi ad hoc condotti da esperti risulta fondamentale sia non farli trovare impreparati, sia per permettere loro di aggiungere queste abilità nel curriculum vitae.
  • Proporre l’utilizzo di piattaforme come Jobiri
 Jobiri è il primo career advisor intelligente che supporta i candidati 24/24h nel loro inserimento nel mercato del lavoro. Attraverso l’utilizzo di Jobiri presso scuole ed istituzioni, i giovani hanno la possibilità di creare CV e lettere di presentazione grazie alla scelta del formato che preferiscono e all’utilizzo di esempi pensati da recruiters esperti e qualificati. Oltre a tutti gli strumenti necessari per non farsi trovare impreparati, Jobiri mette anche a disposizione dei candidati decine di migliaia di offerte di lavoro personalizzate.
 Più di 100.000 persone hanno già scelto Jobiri. Clicca qui per scoprire i servizi più adatti alle tue esigenze.