Offerta Formativa – Università degli studi di Bari Aldo Moro

OFFERTA FORMATIVA

Dagli studi umanistici alla medicina, passando per le scienze “dure” e per quelle giudidico-economico-sociali, l’offerta formativa dell’Università di Bari Aldo Moro per il prossimo anno accademico si presenta più ricca e diversificata con 124 corsi di studio tra cui scegliere.

L’offerta formativa complessiva si compone di 60 corsi triennali, 13 corsi a ciclo unico (di durata pari a 5 o 6 anni) e 52 magistrali (di durata biennale, a cui accedere dopo il conseguimento della laurea triennale) che offrono l’opportunità di conseguire in ogni ambito del “sapere” una formazione altamente qualificata e tesa all’internazionalizzazione (sono attivi i programmi Erasmus+, Erasmus+ traineeship e Global thesis che consentono agli studenti, oltre che ai docenti e al personale amministrativo, di svolgere esperienze in università estere).

Tra le novità un nuovo corso triennale interclasse in “Scienze dei Servizi Sociali e Sociologia”, un Corso magistrale a ciclo unico in “Medicina e Chirurgia” presso la sede di Taranto e di due Corsi magistrali: “Diritto dello Sviluppo Sostenibile”, presso il Dipartimento di Giurisprudenza, e “Innovation Development in agri-food systems (IDEAS)” in lingua inglese, presso il Dipartimento di Scienze del Suolo, della pianta e degli alimenti.

Sono inoltre molteplici i collegamenti esistenti fra il mondo del lavoro e l’attività didattica, che è legata allo sviluppo del territorio e spesso coprogettata con enti e aziende pubbliche e private e che permette in molti casi agli studenti di svolgere in tali sedi tirocini curriculari e/o extracurriculari, laboratori e stage. L’attività didattica, inoltre, è qualificata e continuamente aggiornata grazie al suo continuo intreccio con l’attività di ricerca svolta, a livello nazionale e internazionale, dai docenti che, in tal modo, trasferiscono ai loro studenti sia le conoscenze più consolidate, sia le innovazioni provenienti dal progresso della conoscenza nei vari ambiti disciplinari.

No tax area fino a 25mila euro

Per il prossimo anno accademico 2020/2021 l’Università di Bari ha approvato, in deroga al regolamento tasse e contributi, l’esenzione completa delle tasse per le matricole e per gli iscritti con Isee fino a 25mila euro. La soglia è stata alzata di 5 mila euro rispetto a quanto previsto dal ministero (che fissa il tetto a 20mila di Isee per l’esenzione) in modo da evitare che la crisi economica innescata dal Covid-19 favorisca l’abbandono degli studi.

Ricerca

L’Università di Bari ha scelto di investire nella ricerca e nella formazione per la ripresa del Paese. Sono stati attivati 4 nuovi dottorati interateneo in collaborazione con gli altri atenei pugliesi, che si aggiungono ai 19 già presenti nel nostro Ateneo. E aumentato anche il numero delle borse di dottorato che per l’anno accademico 2020/2021 sono 109 rispetto alle 95 dell’anno precedente.
Si tratta di un impegno forte dell’Università che proprio in un momento di grande difficoltà, in cui la scienza e la conoscenza sono finalmente riconosciute quale volano della ripresa, investe sulla formazione alla ricerca dei giovani e si rivela motore insostituibile per la ripresa del paese.

La proposta formativa copre settori strategici per lo sviluppo estendendo lo sguardo all’innovazione, all’integrazione della conoscenza, alla vocazione paesaggistica, alla tradizione culturale e all’imprenditoria pugliese.

Alle 109 borse attivate dall’Università di Bari, se ne aggiungono 9 che insieme ad aziende del territorio proiettano la ricerca in una sempre più proficua collaborazione tra pubblico e privato. Dottorati progettati in cooperazione da imprese che ribadiscono quanto sia necessario per la ripresa del Paese rafforzare il patrimonio di conoscenze e competenze per una reale innovazione del territorio. Un dialogo che ha sancito anche la possibilità di attivare 28 borse di dottorato aggiuntive finanziate da enti esterni pubblici e/o privati.