Reputazione e Internet: i migliori corsi universitari di web reputation management

Il web reputation manager

Nelle settimane del lockdown quando la vita delle persone si è spostata quasi interamente sul digitale è diventato più chiaro a tutte le aziende che governare la propria reputazione online è un valore fondamentale. Per questo la figura del web reputation manager è sempre più richiesta dalle aziende e la formazione universitaria per costruire figure professionali è piuttosto recente. Non ci si può improvvisare esperti delle informazioni online e per questo la società Reputation Manager , tra le prime a specializzarsi nel settore ormai più di quindici anni fa, ha dato vita nel 2014, insieme a Università IULM, al primo master italiano in Reputation Management, e prossimamente attiverà nuovi corsi in collaborazione con altri Istituti universitari.

La professione di web reputation manager è una delle opportunità lavorative post laurea di cui si parlerà al Salone dello Studente, Campus Orienta, la manifestazione che ha oltre 30 anni di vita e ha coinvolto oltre 6 milioni di studenti su tutto il territorio italiano, che ha lanciato la versione digitale: Campus Orienta Digital consente di navigare tra le offerte, partecipare in streaming e attraverso webinar agli incontri, e scegliere online il percorso di studi più adatto.

 

La reputazione digitale

“Le imprese sono sempre più ‘sorvegliate’ dai consumatori e opinion leader nei vari settori pronti a denunciare ogni passo falso, una cattiva esperienza oppure una comunicazione sbagliata e sono in grado di diffonderlo e amplificando sul web” sottolinea Andrea Barchiesi, CEO di Reputation Manager. “E la reputazione digitale, sui social in particolare, è importante anche quando si cerca lavoro: i recruiter controllano sempre l’identità digitale del candidato prima del colloquio di lavoro e basano anche su questo la sua decisione finale”. Prepararsi in aula per gestire la reputazione delle aziende è fondamentale e il web reputation manager insieme con il personal brander, il web marketing manager e l’esperto di sicurezza su Internet sono certamente alcune delle professioni più ricercate del futuro. “Specializzarsi in questi ambiti apre a diverse prospettive nel mondo del lavoro, dall’opportunità di collaborare come liberi professionisti in un mercato ancora nuovo o anche di essere assunti in aziende medio-grandi” aggiunge Barchiesi.

 

Le competenze professionali

Ecco secondo Reputation Manager quali sono le principali competenze che rientrano nel know how professionale di un web reputation manager:

– Conoscenza delle piattaforme di social network e relative dinamiche

– Capacità di utilizzare i tool di social media analysis

– Conoscenza delle piattaforme di digital reputation

– Capacità di utilizzare gli strumenti di analisi statistica

– Competenze giuridiche: diritto penale e civile, diritto commerciale, diritto alla privacy e cyber security, diritto d’autore

– Competenze di comunicazione online e offline

Interesse sull’attualità in generale ma anche verticali di settore

– Predisposizione al costante aggiornamento

– Spirito di osservazione sul mondo esterno inteso anche fuori dai confini nazionali

Andrea Barchiesi, CEO di Reputation Manager