L’INTERESSE

In ciascuno di noi si manifestano delle esigenze fondamentali che derivano
– dalle nostre funzioni organiche (necessità primarie);
– dalle funzioni superiori dell’intelligenza e della volontà (necessità di pensare);
– dalle nostre abitudini (necessità acquisite);
– dalle nostre relazioni con gli altri (necessità sociali).

Queste esigenze si rivelano alla nostra coscienza come inclinazioni verso qualcosa che le soddisfi o come impulsi che ci orientano a porre istintivamente determinati atti per colmare l’esigenza sentita.

Quando nell’ambiente si presenta una situazione concreta percepita come adatta a soddisfare la nostra esigenza, l’inclinazione o tendenza, da generale che era, diventa specifica focalizzandosi sull’obiettivo che le si presenta a colmare il bisogno di fondo. A questo punto nasce l’interesse, un atteggiamento affettivo che stimola l’attività del soggetto e che si colloca tra il bisogno e l’oggetto che lo soddisfa. Nell’interesse si combinano due componenti: quella razionale che consiste nella presa di coscienza del valore dell’oggetto adatto a soddisfare il bisogno e quella istintivo-motivazionale che rappresenta la forza attiva dell’interesse.

Gli interessi costituiscono una variabile importante nell’ambito dell’orientamento scolastico e nell’esercizio di una professione. A volte infatti, al fine del successo in una scelta, la loro presenza si rivela più efficace delle attitudini, essendo in grado di supplire ad eventuali carenze mediante l’impegno e l’esercizio.

E’ possibile distinguere gli interessi in:
1) espressi: vengono dichiarati palesemente dal soggetto e riguardano una scelta scolastica o professionale;
2) manifestati: si esprimono nelle attività svolte quotidianamente (lavoro, hobby) in seguito a sollecitazioni ambientali;
3) rilevati tramite questionari: sono individuati indirettamente attraverso l’analisi delle conoscenze acquisite dal soggetto.

Certamente gli interessi sono influenzati dall’ambiente ma è discussione sterile chiedersi quanto pesa questo condizionamento e se è corretto; è più importante capire se gli interessi maturati non contrastino con il resto del sé e non vi siano controindicazioni verso un progetto ipotizzato. Inoltre in casi di “eterna” indecisione, un interesse indotto dall’esterno (parenti, docenti, amici) può risultare persino positivo purché vi sia la consapevolezza di come si sta decidendo. Tra tutti i fattori dell’individuo gli interessi sono quelli meno stabili e più soggetti al cambiamento; essendo difficile prevedere se e come gli interessi cambieranno, occorre accontentarsi di rilevare quelli presenti nel soggetto al momento della decisione, dando maggiore fiducia a quelli presenti da più tempo anziché a quelli nati di recente.

SERGIO BETTINI

Nato a Bologna, vive ed ha studio professionale in Alessandria. Coniugato, una figlia infermiera presso Ospedale Besta di Milano.
Maturità classica conseguito presso il Liceo Classico “Plana” di Alessandria. Laurea in Lettere moderne presso l’Università di Genova. Specializzazione in Psicologia ai corsi triennali dell’Università di Torino, diretti dal prof. Massucco Costa. Iniziale insegnamento nella classe di materie letterarie in istituti medi inferiori e superiori. Esperienza decennale presso stabilimento Michelin di Spinetta Marengo, responsabile alla selezione e formazione del personale per sedi Italia. Attività per oltre un ventennio come Direttore della fondazione Centro di orientamento scolastico e professionale in Alessandria struttura originale nel suo genere in Italia sorta su concorso di 19 soci fondatori (Comuni della provincia di Alessandria, Provincia, Camera Commercio, Unione Industriali)
Iscritto nell’albo degli Psicologi della Regione Piemonte al n. 727, risulta libero professionista. Offre consulenza individuale a studenti e famiglie e come esperto di formazione a Scuole e docenti nel campo dell’Orientamento scolastico e professionale. Consulente in Master universitari, Enti pubblici e strutture operanti nel campo dell’orientamento. Consulente di Class Editori per i Saloni dello Studente da oltre un ventennio.