Sorpresa, il turismo food and wine non è solo prerogativa degli over ..anta, ma è trainato da giovani e giovanissimi. Lo rivela il Rapporto sul turismo enogastronomico italiano

Il 53% dei viaggiatori nel mondo si dichiara “turista enogastronomico”. E fin qua… che il trend per viaggi che uniscano alle visite cultuali anche l’aspetto enogastronomico fosse in ascesa è un dato ormai acquisito. La sorpresa è che tale turismo, a differenza di quanto ci si potrebbe aspettare, non è riservato agli over 30-40, ma è molto apprezzato anche dai Millennials, i ventenni, e addirittura dalla Generazione Z, i giovanissimi. Lo rivela l’edizione 2020 del “Rapporto sul turismo enogastronomico italiano”, promosso dalla World Food Travel Association e dall’Associazione italiana Turismo enogastronomico. I Millennials guidano il trend tra le generazioni, anche se si affacciano i nuovi “super foodie“, la Gen Z appunto, viaggiatori frequenti che mostrano un alto interesse verso il cibo. Incrociando i dati delle esperienze più gradite, più ricercate sul web, più vissute e più valorizzate dai tour operator, emergono alcune linee guida: dal cibo di strada ai ristoranti e bar più conosciuti. E poi, naturalmente, c’è la pizza, sempre amata, soprattutto dai giovanissimi, che emerge come prodotto trainante per il nostro Paese, grazie anche al riconoscimento Unesco.

Fonte ItaliaOggi